Studio dentistico

Cafaro & Romagnoli

  • Studio odontoiatrico

Laser e sedazione

Laser

La luce in genere è una fonte di energia indispensabile per la vita e i suoi effetti sono sperimentati continuamente da ognuno di noi: la luce scalda, la luce ci permette di vedere, la luce interagisce con il nostro corpo anche, ad esempio, abbronzandoci, o intervenendo in processi biochimici complessi, quale potrebbe essere la sintesi della vitamina D, fondamentale per la corretta mineralizzazione delle nostre ossa.

L’uomo, con l’invenzione del LASER (il primo modello risale al 1960), seleziona e gestisce l’energia della luce, sia essa visibile o invisibile (infrarosso o ultravioletto), amplificandola e guidandola per utilizzarla nei campi più disparati, tra cui in medicina e odontoiatria, affiancando o sostituendo le procedure comunemente seguite.

La capacità della luce LASER, opportunamente selezionata e modulata, di essere altamente selettiva nei confronti di alcune costituenti dei nostri tessuti, consente un’azione minimamente invasiva, accompagnata da fenomeni generalmente conosciuti come “biostimolazione”, o più correttamente “fotobiomodulazione”, il che significa che offre effetti analgesici, antinfiammatori, biostimolanti e decontaminanti.

Questo vuol dire potere effettuare, ove indicato, terapie conservative (otturazioni) senza alcun strumento a contatto (chi lavora è un raggio di luce!), oppure eseguire piccoli interventi chirurgici sui tessuti molli con ottima emostasi, e quindi senza sanguinamento, perlopiù senza sutura e con una ridottissima quantità di anestetico (ad esempio le frenulectomie, dove il laser, soprattutto nei piccoli pazienti, è lo strumento principe). Le capacità biostimolanti che accompagnano l’azione chirurgica riducono o eliminano la necessità di farmaci analgesici nel post-operatorio con una guarigione eccellente e senza cicatrici; la potente azione decontaminante non pone indicazione per l’uso di antibiotici e rappresenta un aiuto che può essere decisivo, affiancandosi alle terapie convenzionali, nel trattamento delle malattie dei tessuti di sostegno dei denti (parodonto), a volte indicate, se in fase acuta, con il termine di “piorrea”, contribuendo a ridurne tutti i segni e sintomi (sanguinamento, mobilità, dolore).

Utilizzando specifiche lunghezze d’onda (rosso ed infrarosso) potranno essere efficacemente trattate alcune patologie delle mucose (afte, herpes, mucositi in corso di trattamenti radio o chemioterapici o conseguenti a malattie sistemiche), riducendo il dolore e accelerando la guarigione, oppure si potrà intervenire sul dolore della Articolazione Temporo Mandibolare, sul dolore post-chirurgico, post attivazione di apparecchiature ortodontiche, così come accelerare gli spostamenti dentali o modulare l’integrazione di impianti endossei.

Laser per interventi ortodontici

Il nostro studio è dotato di diverse apparecchiature laser in grado di coprire tutte le esigenze, naturalmente dopo avere valutato, con voi, le modalità delle cure che dovreste effettuare:

  • LASER ad ERBIO: terapia conservativa, chirurgia dei tessuti molli e duri
  • LASER NEODIMIO: chirurgia dei tessuti molli, parodontologia, endodonzia
  • LASER A DIODI (640nm, 810 nm, 904 nm, 980 nm): chirurgia dei tessuti molli, parodontologia, endodonzia, sbiancamento dentale, biostimolazione (LLLT : Low Level Laser Therapy).

Utilizziamo attrezzature laser da circa 15 anni, accompagnando la pratica con un impegno a livello accademico, con collaborazioni passate ed in essere con le Università di Firenze, Siena, Torino, Genova, insegnando in Corsi di perfezionamento e Master internazionali, presentando relazioni in numerosi Corsi e Congressi, pubblicando articoli su riviste scientifiche nazionali ed internazionali: tutto questo per essere costantemente al passo con i tempi e in grado di offrire le migliori opzioni possibili.

Siamo a vostra disposizione, odontoiatri ed igienisti, per valutare questa opportunità nell’ambito del percorso terapeutico o anche semplicemente per soddisfare le vostre curiosità.

Sedazione

Sedazione

Per quanto le tecniche oggi utilizzate siano mininvasive e accompagnate dall’utilizzo di anestetici sicuri ed efficaci, non sempre le sedute dal dentista vengono affrontate con tranquillità.

Sarà nostro impegno fare in modo di creare le migliori condizioni per affrontare ogni procedura con un percorso personalizzato, in modo da ridurre il vostro livello di ansia, per affrontare serenamente ogni seduta.

Collaborando con uno Specialista in Anestesia e Rianimazione si può intervenire con una ansiolisi farmacologica in piena sicurezza, garantendo un monitoraggio costante. In alternativa si può utilizzare il protossido d’azoto.

Il nostro studio è dotato di una modernissima attrezzatura digitale che consente di erogare una miscela di ossigeno e protossido d’azoto tramite una mascherina nasale. Il protossido d’azoto, noto nell’ottocento come gas esilarante, ha un’efficace azione ansiolitica, antiemetica (riduce lo stimolo al vomito che spesso sopraggiunge quando si interviene in bocca), ed è blandamente anestetico a livello delle mucose.

 

Sedazione

La miscela contiene almeno il 30% di ossigeno, una quantità ben superiore a quella presente nell’aria che normalmente respiriamo (21%). Non si tratta di anestesia, è una tecnica più conosciuta come “sedazione cosciente” perché il paziente è sveglio, mantiene i riflessi fondamentali, ed in fin dei conti, dovendo respirare dal naso, è lui che “guida” la procedura. Non vi sono quindi le problematiche che derivano dall’uso dello stesso gas in anestesia totale. L’obiettivo è la ricerca del “benessere”.

Finita l’erogazione di questo gas, già dopo un paio di minuti si ritorna perfettamente “normali” e dopo un quarto d’ora si può già essere alla guida di un auto, cosa che è da evitare se la sedazione è stata farmacologica per via venosa.

Il protocollo prevede che si faccia una prova, che si individui qual è la percentuale di protossido giusta per voi: si chiama BASE LINE, e lo si ricerca in una seduta non operativa dove si sceglierà la mascherina adatta per voi e vi guideremo nella sperimentazione della tecnica, per valutarne l’efficacia, la rapidità di azione, l’altrettanto rapida reversibilità.

STUDIO ASSOCIATO DI ODONTOIATRIA CAFARO & ROMAGNOLI | 62, Via Pacini - 20131 Milano (MI) | P.I. 08232700156 | Tel. 02 2665035 | Fax. 02 70607081 | studio@cafaro-romagnoli.it | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite